Tonight Barcelona is sleepy towns.

Hands are more naked

than cold and their smell reminds

of embers but the windows

fill the streets of March.

The dog’s shadow rises quietly

next to you driving,

while you can still hear the sea

of some kitchen on the back of a house.

 

Tonight, like last night,

Barcelona is pincers stretched

rummaging garbage bins

to fill a cart.

It is the hour of worn out tools

stolen from nowhere and nobody.

The empty can clangs against

beds’ wheels. Like stretchers

running to save your sleep.

Translation by Pietro Federico

Stasera Barcellona è paesi assonnati.

Le mani sono più nude

che fredde e l’odore ricorda

di brace ma le finestre

riempiono le strade di marzo.

Sale l’ombra in silenzio

del cane a fianco a guidare,

mentre a tratti senti ancora il mare

di qualche cucina sul retro.

 

Stasera, come ieri,

Barcellona è tenaglie allungate

che frugano cassonetti

a riempire il carrello.

È l’ora dei ferri usurati

rubati allo spazio di nessuno.

La lattina vuota batte

alle ruote dei letti. Come barelle

viaggiano a salvare il sonno.